Il suo maledetto cuore

Vorrei trovare parole d’amore

ma non ne ho.

E’ triste

scoprire di averle perse

tutte.

Per strada,

forse distrattamente.

Vorrei essere convincente,

forse anche seducente.

Vorrei diventare musica,

allegra con brio,

poi calda e avvolgente.

Vorrei chiedermi perchè,

dopo chilometri e stanchezza,

inverno romano e tranquillità,

penso a te.

Vorrei un po’ del tuo tempo

per me.

Ridere, giocare, parlare

per stare ancora bene con te.

Mi ritrovo,

questa notte,

a desiderare

il calore del tuo corpo,

il suo piacere,

ma il ricordo dei tuoi occhi

cerca di spiegarmi

che può ancora succedere

di pensare a qualcuno,

per il suo dolore,

per le sue paure,

per il suo maledetto cuore.

 

Gabriella Paolini

 

Sotto licenza Creative Commons BY-NC-ND


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.